UNA ESPERIENZA FORMATIVA CHE UNISCE SAPERE E SAPER FARE

I temi dell’ambiente, della promozione del territorio, della natura ci sono cari e, seppure a volte con difficoltà logistiche ed oggettive, con tenacia, li abbiamo voluti portare nel mondo della scuola. Sono così iniziati la nostra avventura ed il nostro approccio con i giovani delle scuole superiori nei progetti di alternanza scuola/lavoro. Siamo certi che le giovani generazioni hanno sempre più bisogno di certezze e di esempi da seguire. Pertanto, con questo spirito, ci siamo approcciati alla modalità di alternanza perché è vero che le esperienze pratiche mettono i ragazzi in una diversa prospettiva in quanto elevano il livello di apprendimento, la curiosità e ne va quindi di un più sano rapporto con le materie e tematiche di riferimento.

Si sa che quando i ragazzi si trovano di fronte ad esperienze pratiche investono tutto il loro capitale di conoscenze, tutto il loro bagaglio nel tentativo di arrivare ad un risultato positivo. È un banco di prova sia per chi lo ha concepito che per loro che accettano impavidi questa sfida! Eh si, perché questi progetti sono audaci, come lo sono le aspettative dei giovanissimi. E sono audaci perché portano con sé una trasformazione sia concettuale che pratica: essi non sono concepiti solo per allineare i ragazzi al mondo del lavoro, per far loro vedere nel pratico, nel quotidiano e via dicendo, quali sono le prerogative, i rischi, le situazioni, le condizioni del mondo del lavoro; non hanno solo questa finalità! Essi nascono e sono concepiti per essere un modello, anche e soprattutto, culturale e pertanto portano con sé un’idea innovativa, che è quella che la scuola non può e non deve essere – o almeno non deve esserlo più – nell’ambito del tessuto sociale, un luogo specializzato e settorializzato dove viene impartita “conoscenza”, dove le attività didattiche vengono svolte quotidianamente sui soggetti alunni volenti o nolenti, appassionati o passivi.

La scuola deve uscire dalle sue mura (spesso decrepite e non rispondenti a vigenti norme di sicurezza!) per “diffondersi” nel territorio, per entrare nelle trame del tessuto sociale e rendere protagonisti, attivi e partecipativi, i suoi alunni. Perché se i ragazzi progettano, ideano e realizzano solo allora, porteranno con sé concetti di cittadinanza partecipativa ed attiva che crea democrazia, equità e coscienza civica.

Solo allora, anche oggi, avremo gli uomini del domani!

Scroll to top

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

Che cosa sono i cookie? Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri che può essere memorizzato sul tuo browser o sul disco fisso del tuo computer quando visiti il nostro sito web. I cookie contengono informazioni sulle tue visite al suddetto sito web. Cookie di terze parti. Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (prima parte), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (terze parti). Esempi notevoli sono la presenza di “embed” video o “social plugin” da servizi di social network. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da terze parti è disciplinata dal regolamento Europeo sulla protezione dei dati, GDPR n. 2016/679. Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi